In fondo il buio - George R.R. Martin

In Fondo il Buio- George R.R. Martin



Come ho già scritto per Il Viaggio di Tuf Martin non è solo Cronache, Cronache e Cronache. Ha prodotto anche tantissimi altri libri di cui mi sto appassionando sempre più.
Non vedo l'ora che finisca con le cronache (che stanno tirando molto alla lunga per i miei gusti) per poter leggere altro di suo, preferibilmente un libro fantascientifico.
Il bello di questi libri, e non riesco quasi nemmeno a parlarne, è che sono tutti intrecciati. Non nel senso di protagonisti, o storie o luoghi dove si svolgono le vicende, ma proprio in generale Martin ha creato e tenuto vivo una storia ed un universo fantascientifico da cui prende un pezzo qui, un pezzo là per creare le sue storie e libri.
Gli Hrangan che nel "Viaggio di Tuf" sono una razza oramai estinta su un pianeta in "in fondo il buio" sono la razza da cui una popolazione di un intero pianeta ha creato miti e leggende.
Ogni suo racconto non contiene che cenni alla storia globale dell'universo creato ma ogni volta che leggo qualcosa di suo mi viene voglia di saperne di più su Vecchia Terra, Nuova Poseidone, Avalon, gli Esmereli, la guerra portata avanti contro gli Hrangan e le loro razze schiave.
Purtroppo non avremo mai una completa storia e narrazione, i punti di vista sono marginali e frammentari, ma è ciò in cui io spero.
Oppure spero che altri scrittori riprendano questo tipo di narrazione per universi loro...




Trama:

Dirk t'Larien è un avaloniano, vagabondo dello spazio, un insoddisfatto, uno che non sa fare della sua vita.
Per cui quando riceve la gemma dell'anima da Gwen Delvano, il suo perduto amore, parte immediatamente alla volta di Worlorn, un pianeta morente al confine con il Velo Tentatore, una tenebra fumosa e piatta dove si sarebbe perso nello spazio e nella memoria.
Arrivato sul pianeta la situazione non è come si era immaginato: la sua Gwen indossa la Giada e l'Argento, simbolo per gli Alti Kavalaaniani del matrimonio, di Jaantony Riv Wolf alto-Ironjade Vikary.
I Kavalariani sono una razza bellicosa e guerrafondaia, in antichità distinguevano gli uomini dai falsi uomini (stranieri) e li cacciavano. Parte della tradizione è rimasta nella coalizione-roccaforte dei Braith ben rappresentata sul pianeta di Worlorn.
Per tagliare una storia potenzialmente lunghissima che non saprei come riassumere: i Braith incominciano a dare la caccia a Dirk che scappa con Gwen lasciando Jaan e Garse (teyn di Jaan... Fratello di patto) in una situazione critica e mortale.
La fuga li porterà a visitare ciò che rimane delle civiltà che si sono insediate sul pianeta quando era vitale. Scoprendo molte cose su loro stessi.
Dirk in più scopre che Gwen non ha mai inviato la gemma dell'anima... Chi può averla inviata e perché?
Il finale tra combattimenti, morti atroci (come ci ha abituati Martin), intrighi è aperto.
Ma davvero parlarne qua così in due righe non è abbastanza: non riesco a trasmettere abbastanza, tutta la furia, la disperazione, la tristezza, la felicità ed infine anche la completezza sperimentate dai personaggi.
L'evoluzione di Gwen da semplice "moglie" a qualcosa di più, il comportamento di Garse che si toglie il ferro e l'argento.
Non sono facilmente descrivibili anche perché darei la soluzione all'enigma che si pone in tutto il libro.


Ambientazione:

Worlorn: un pianeta sull'orlo del Velo Tentatore, un pianeta senza orbita ma che continua a viaggiare e continuerà per l'eternità. 
Per un certo periodo di tempo (una decina d'anni) diventa abitabile grazie ad un passaggio vicino ad un sistema di 7 soli che lo riscaldano, abitabilità completata dagli uomini e dalla loro terraformazione. 14 civiltà si instaurano sul pianeta che per tutta la durata della sua vitalità diventa un pianeta-festa.


Personaggi:

Dirk t'Larien: un avaloniano che non ha più nulla da perdere, insoddisfatto con un desiderio di riuscire a dare un senso alla sua vita, come lo aveva quando stava insieme a 
Gwen Delano: una biologa che ha accettato la giada e l'argento di Vikary
Vikary: capo della fazione Ironjade sul pianeta Worlorn
Garse: teyn di Vikary
Ruark: un Kimdissi (razza da sempre nemica dei Kavalariani; manipolatori) che aiuta Gwen nel suo lavoro di biologa, è un protetto di Vikary.
Braith: vari individui che possiamo considerare però come gruppo: amano cacciare prede vive, i "falsi- uomini", unico individuo da tenere sott'occhio è Bretan: sfida Dirk (per quello fugge) e poi gli darà la caccia fino alla fine. 


Terminologia:

Teyn: legame di amicizia e fratellanza tra due uomini
Betheyn: Donna legata al capoclan con il vincolo della giada e dell'argento
Cro-Betheyn: Legame tra Betheyn e Teyn del capoclan (anche condivisione del letto)
Ein-KethyDonne destinate alla riproduzione (Kavalar era un pianeta con poche donne, la maggior parte di esse erano rinchiuse, curate ed usate solo a fini riproduttivi. La situazione è migliorata da quando la popolazione è riuscita ad aumentare) 
Keth: termine che indica gli uomini di una fortezza\coalizione "fratelli di Clan"
Korariel: Proprietà Protetta- Vikary passava tutto il suo tempo a Worlorn cercando persone sopravvissute e rimaste sul pianeta per dichiararle Korariel così da salvarle dalla caccia dei Braith.


In conclusione: è un libro angosciante, dalle tinte scure con morte, tradimenti e storie intricate alla sua base.
Consigliato ad un pubblico adulto ed amante del fantascientifico.


Aratak

Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi