Intervista a... Rocco Sabatino

Buongiorno a tutti! (bis)
Oggi non vi lascio solo la segnalazione!
Ecco a voi l'intervista a

Rocco Sabatino

autore de L'Ultimo Sciacallo


Ciao Rocco e benvenuto su questo blog!
  • Ciao a tutti!
    Per me è un vero onore essere qui!
    Si sono agitato è la mia prima intervista! :D

Iniziamo con le solite banalità: raccontaci qualcosa di te!
  • Sono un ragazzo di 32 anni che ha la passione per il fantasy, i videogiochi, film e molto altro, da un annetto sono diventato papà e questo sta rallentando un po’ i miei progetti da scrittore, ma nonostante il poco tempo a disposizione di tanto in tanto continuo con i miei libri e le mie passioni.
    Lavoro in un centro commerciale nel reparto giocattoli e che dire… sono proprio nel mio mondo!

Quali sono i tuoi autori preferiti? Ti sei mai ispirato a loro?
  • Rispondendo a questa domanda la gente mi frusterà…
    In realtà non sono un accanito lettore, ho letto i primi volumi di Narnia, Gli inganni di Locke Lamora (Libro fantastico!) alcune raccolte di King, di Asimov, i primi libri della serie delle cronache della guerra di lodoss, e poi altro, passando da un genere all’altro, gialli, fantascienza, e via dicendo.
    Certo leggo molto più volentieri i fumetti (non mi uccidete vi prego)
    Per quanto riguarda le mie ispirazioni, alcune sicuramente le ho prese dai primi due libri che ho citato, il resto pura fantasia e probabilmente qualche ricordo del subconscio che magari mi è stato trasmesso da qualche anime, film o games.
    A proposito, valgono i librogames?
    Io li adoravo!

Considerando “l’ultimo sciacallo” ti sei documentato leggendo/guardando western?
  • In realtà no!
    Il mio primo libro quasi pronto alla pubblicazione in realtà era “Il ritorno dei Braccati”
    Quando ho capito che avrei potuto pubblicarlo ho fatto marcia indietro ed ho fatto una scommessa con me stesso.
    Non volevo cominciare a pubblicare il primo libro di una saga che chissà quando avrei finito, così ho preso un genere che odiavo ed ho deciso di crearci una storia a modo mio.
    Una storia semplice, ma originale per quanto riguardasse il mondo e tutto quello che girava attorno al personaggio.
    Così è nato “L’ultimo Sciacallo”
    Solo a lavori ultimati sono riuscito ad amare questo genere.
    Quando l’editore ha deciso di pubblicarlo era entusiasta della mia storia e non c’è stata vittoria più grande per me che riuscire in un’impresa per me inizialmente impossibile.

Il tuo libro l’ho recensito QUI, cosa ne pensi? Vuoi aggiungere qualcosa alla recensione?
  • Credo che tu sia riuscito a dire tutto ed allo stesso tempo niente senza svelare nulla a chi legge la recensione, quindi direi che è perfetta, l’unica cosa che forse non si capiva molto è che i Dreamless una volta ritornati in vita possono abbandonare il proprio corpo per appropriarsi di un altro.
    Aggiungo solo una curiosità, a parte la pistola del protagonista e le mitragliatrici di J.J., tutte le altre armi sono vere ed il lettore può andare a curiosare i vari modelli che ho inserito nel romanzo ;)

Toglici una curiosità: di che genere è il romanzo?
  • Altra domanda molto difficile, persino il mio editore si è trovato in difficoltà, se dobbiamo dargli un genere credo che possa considerarsi un Adventure Western Fantasy Post-apocalittico, tu che ne pensi? Che è un genere molto... complicato direi =D 

Da cosa è nata l’idea di questo libro?
  • La ragione per cui ho scritto questo libro è riportata sopra, per quanto riguarda l’idea, beh si è scritto da solo.
    Il primo paragrafo è totalmente privo di cose sovrannaturali, inizialmente doveva essere un western misto al  mondo di fallout per intenderci.
    Persino l’avvoltoio inizialmente fa solo parte della scenografia, poi però è diventato un personaggio importante.
    Quando scrivo in realtà descrivo solo quello che si sta materializzando in quel momento nella mia testa, a volte quando rileggo i miei lavori a distanza di tempo rimango stupito. “Davvero ho scritto io questo?”
    Proprio perché perdo completamente il controllo della storia e va avanti da sola.

Perché il mondo post-apocalittico?
  • Perché adoro il fatto di poter vivere un’esperienza del genere, e scrivendo a volte vivo in prima persona le avventure che racconto, quindi quando si crea qualcosa perché non farlo in un mondo che ti affascina?
Come mai la scelta di utilizzare così tanti flashbacks?
  • Perché il lettore deve sapere.
    Ho diviso i romanzo in 10 capitoli, alcuni completamente slegati tra loro, come se il personaggio vivesse tante piccole avventure diverse nel suo viaggio.
    Questo mi ha portato a dover raccontare i background di ogni personaggio secondario, in modo da far conoscere al lettore tutto quello che hanno vissuto i personaggi prima di ritrovarsi in una determinata situazione.
    Facendo così ho anche dato modo al lettore di conoscere meglio il mondo che ho creato.

Questo è un libro che potrebbe avere benissimo sia prequel che sequel, sono in cantiere? L’hai strutturato in questo modo per lasciarti libertà di scelta in futuro?
  • Un prequel non saprei, in fondo ho spiegato molte cose del passato a parte l’estinzione della prima razza umana, e quella credo rimarrà un mistero anche per me :p (non sapere alcune cose lo rende più affascinante, almeno per me)
    Un sequel mi piacerebbe molto, ho lasciato ben tre porte aperte nel libro, e le ho nascoste così bene che rileggendolo la seconda volta ho scoperto la terza ;), questo perché il ciclo narrativo del personaggio principale si chiude ma vorrei riprendere  la storia facendo passare qualche anno.
    Ammetto che in realtà anche io sono curioso di ritrovare i miei personaggi per vedere cosa stanno facendo e come se la cavano.

Com’è scrivere libri in Italia?
  • Scrivere per me è un vero e proprio passatempo, ed il fatto di aver provato a pubblicare qualcosa, per me è stato più un fatto di poter far vivere le mie storie ad altri, non l’ho mai vista come una fonte di guadagno.
    Sono stato fortunato a trovare una casa editrice che mi ha coccolato per i primi passi credendo in me e questo mi ha fatto molto piacere.
    Se devo essere sincero mollerei tutto ora e se avessi la possibilità vivrei solo delle mie storie, ma è difficile farsi notare in Italia, gli ostacoli sono davvero molti però, facendolo solo come hobby non mi sono mai preoccupato di fare presentazioni o altro.
    Avendo già altri impegni ed un bimbo piccolo non riesco a fare quello che vorrei per promuovermi e quindi mi accontento di quello che c’è per me in questo momento nel mondo della letteratura.

Come pensi sia visto il fantasy nel nostro paese?
  • Il fantasy credo si stia riprendendo a piccoli passi, ha avuto qualche cedimento di interessi negli anni passati ma credo che poco per volta possa esserci una buona ripresa nel settore.
    Da film, libri, serie tv e videogiochi questo genere si sta facendo riconoscere in tutte le sfaccettature che può donare.
    Sta poco per volta evolvendo, stanno nascendo nuovi tipi di Fantasy, ed un genere in continua evoluzione secondo me è un genere vincente.

Come si potrebbe aumentare la Cultura in Italia?
  • La cultura in Italia? Io credo che la cultura possa trovare difficoltà in tutto il mondo, in alcune zone ci sono problemi più grandi in altri meno, ma la cultura può aumentare solamente con il nostro interesse, ed è quello che col futuro probabilmente perderemo.
    La tecnologia sta superando ogni cosa, ci rende zombie davanti ad uno schermo e per quanto vorremmo combattere questa cosa le nuove generazioni andranno sempre peggio.
    L’essere umano in sé dovrebbe prendere coscienza di questa cosa, ma per come la vedo io, la tecnologia farà passare in secondo piano molte cose che non andrebbero, ma saranno dimenticate.
    Non so se esiste veramente un modo per poter aumentare la cultura in Italia e nel mondo ma ho tanta paura che la risposta la troveremo un giorno in un’ App…

    Detto questo colgo l’occasione per ringraziarti, per ringraziare le persone che leggono il tuo Blog ed anche chi si è concesso un po’ di tempo per conoscermi.

    Buona lettura a tutti e grazie ancora!


Grazie a te Rocco e alla tua disponibilità!

Alla prossima

Aratak


Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi