Eris - Sabato e Ugolini

Buongiorno lettori!
Oggi vi parlo di un fumetto comprato a Cartoomics 2017, il fumetto in questione si intitola


Eris

di Elisa Sabato & Elisa Ugolini



Questo è il primo volume di un fumetto autoprodotto scritto e disegnato in collaborazione tra Elisa Sabato (Disegno Personaggi, colori e inchiostri) e Elisa Ugolini (storyline e sfondi).
Questo non è l'unico progetto che presentavano al Cartoomics 2017 ma, ahimè, il loro altro fumetto disponibile era uno... emmm... Yaoi, tra l'altro con personaggi pucciosissimi, che però posso dire non essere molto il mio genere di letture. Scartando Pandemonio, nome dello Yaoi e nome del duo, ho provato a sfogliare Eris e, nel mentre, ascoltavo le due Elisa parlare dei loro fumetti. 
Per primo mi hanno spiegato la storia dietro a Pandemonio, che si svolge interamente in una panetteria, per appagare la mia curiosità, poi sono passate a Eris, questo primo volume di un fumetto che potrebbe andare avanti molto a lungo.
La storia si basa su dei presupposti che, grazie a Jordan e Gaiman, ora ritroviamo spesso: gli dei camminano tra noi mortali. 

Ma cosa succede se Eris, la Dea greca del Caos, è stata imprigionata in un corpo mortale reincarnazione dopo reincarnazione e non può utilizzare i propri poteri?
Con Zeus e Ares che le stanno alle calcagna e vogliono la sua continua dipartita mentre accorrono in sua difesa Deimos, Dio del terrore, e Hypnos, Dio del sonno.
Cosa c'entrano infine Loki e Odino che fanno la loro comparsa?
Del primo numero molto non si può dire: c'è la presentazione di alcuni personaggi, dell'ambientazione e della situazione iniziale però possiamo dire già alcune cose.

1 Deimos, Loki e Odino sono dei gran fighi.
2 Eris e Hypnos... (wooops mezzo spoiler) sono delle gran gnocche.
3 Eeemmm... dicevamo?
Ah sì...
La vicenda al momento si svolge a Parigi ma le autrici riferiscono che la vedrà spostarsi in varie altre parti del mondo, Italia compresa.
Fanno la loro comparsa vari dei: Loki, Deimos, Hypnos, Ares, Efesto, Ermes (che mi è piaciuto tantissimo) da cui si può dedurre che ci sia una sovrapposizione di credenze (Dei norreni e Dei greci - saranno presenti altri dei?).
Ci sono esseri mitologici, una Lamia attacca Eris, e una buona dose di magia è coinvolta, un amico di Eris viene trasformato in una pianta.
Deimos, Eris e molti altri dei non capiscono l'arte di Efesto. Tranne Hypnos, lui l'apprezza molto. 
Andare oltre a questo sarebbe solo speculazione e spoiler, mica vi posso dire il finale cliffhanger del fumetto? 

Stile - come scrivevo nella presentazione Elisa S. si occupa dei personaggi e Elisa U. della storyline nonché degli sfondi.
Lo stile del fumetto è... come definirlo se non "puccioso" ci sono situazioni e combattimenti seri ma sono tutti fatti da personaggi pucciosi, la maggior parte di essi anche fisicamente accattivante.
Le espressioni e alcune pose sono fatte davvero bene ma in alcune scene, vuoi per dare velocità al movimento vuoi per dare un senso di "confusione" c'è un tratto meno definito che, però, si adatta alla situazione.
Tranne con la Lamia che è l'unico pezzo dove il disegno non mi abbia entusiasmato (ma solo del mostro greco). Probabilmente l'ha fatto con l'intento di incattivirla ma così ne ha perso la scena in sé per me.
Gli sfondi sono minimali, essenziali, nella maggior parte del fumetto e, quando presenti e necessari, sono fatti in modo semplice ma ben definito. Alcuni scenari sono ricercati e fatti con una cura del dettaglio immensa. 

Conclusioni:
Normalmente in qualsiasi fumetto io aspetto qualche capitolo prima di dare un parere, in fondo lo stile può cambiare e la storia può prendere pieghe inaspettate.
In questo caso posso dire che, essendo il fumetto anche un webcomic oltre che un fumetto cartaceo, potrei andare sul sicuro consigliandovi per lo meno la lettura di qualche pagina qui: Eris Comic
Fatemi sapere cosa ne pensate! 

Aratak

Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi